Riqualificazione Condomini, Ecobonus fino al 75%

In caso di Ristrutturazione delle parti comuni del Condominio, potrai usufruire fino al 75% di sconto sulle spese di riqualificazione sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021.

La detrazione fiscale sarà graduale in funzione degli obiettivi raggiunti dal progetto di riqualificazione: si parte con la detrazione del 65%, si passa al 70% se i lavori interessano almeno il 25% dell’involucro edilizio, per giungere al 75% nel caso in cui l’intervento migliori la prestazione energetica invernale ed estiva dell’edificio portandola ai valori previsti dalla norma.

La novità assoluta è che, in caso di difficoltà economica, il bonus fiscale può essere ceduto a imprese, Esco o altri soggetti, compresi istituti bancari.

Per far chiarezza sulle prescrizioni previste dalla Legge di Bilancio 2017 rispondiamo alle seguenti domande:

 

 

 

1. Quali interventi possono beneficiare della Detrazione Fiscale del 70% o 75%? 

 

Possono beneficiare della detrazione Fiscale tutti i lavori eseguiti nelle parti comuni dei condomini.

 

 

 

2. Come viene stabilita la percentuale di sconto sui lavori eseguiti?

 

- La detrazione fiscale è del 65% se l’intervento di riqualificazione riguarda ha un incidenza inferiore al 25% dell’involucro edilizio.

- La detrazione del 70% se interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio;

- La detrazione del 75% per interventi finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualità media del Decreto Legislativo 26/06/2015.

 

 

 

3. Quali sono i requisiti tecnici per usufruire dell’Ecobonus 70-75%?  

 

- L’intervento deve riguardare le parti comuni di edifici condominiali che delimitano il volume riscaldato e interessare più del 25% della superficie disperdente; deve configurarsi come sostituzione o modifica di elementi già esistenti.

- Per gli interventi al 75% l’involucro edilizio dell’intero edificio deve avere, allo stato iniziale, qualità bassa sia per la prestazione energetica invernale, sia per la prestazione energetica estiva. 

- L’intervento deve riguardare solo le strutture i cui valori delle trasmittente termiche (U) siano superiori a quelli riportati dal D.M. 26 gennaio 2010.

 

 

 

4. Come viene calcolata la Detrazione Fiscale?

 

La detrazione viene calcolata su un ammontare delle spese fino a 40mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Il rimborso avviene in dieci anni.

 

 

 

5. Quali documenti devo fornire per poter usufruire dello sconto, e a chi?

 

I risultati raggiunti in termini di efficientamento energetico devono essere certificati da tecnici abilitati attraverso la redazione di un Attestato di Prestazione Energetica (APE), e inviati all’ENEA a partire dal 15 Settembre.

 

 

 

Per saperne di più scarica il documento ENEA a questo link.

 

 

 

Newsletter

Ricevi direttamente via mail gli aggiornamenti pubblicato su questo sito, iscriviti qui sotto